London Calling

Panic dei The Smiths è una delle mie canzoni preferite.
Da qualche giorno a questa parte, non riesco ad ascoltarla con spensieratezza, come ho sempre fatto. L’incipit: “Panic on the streets of London, Panic on the streets of Birmingham, I wonder to myself, Could life ever be sane again ?”.
Cosa a succedendo? Rivolta civile, rivolta sociale, distruzione, fuoco.
E poi persone che con scopa e paletta, si propongono di dare una mano alla città.
Se fossero stati in Italia, li avrebbero già definiti: Angels of riot.

Londra e Napoli, cittadini che provano a reagire alle emergenze, con costruttività e senza perdersi in chiacchere. Immediatamente, avvalendosi della velocità di Internet, facebook, twitter: strumenti di semplice approccio ed economici.
Io non so se qualcuno a Londra aveva letto di CleaNap e sinceramente non è questo ciò che mi interessa. Ciò che mi preme sottolineare è l’identica risposta, lo scatto volontaristico, la mentalità cambiata, come ben dice un articolo su Labsus.org.

post riot cleanup - London

Sulla nostra bacheca facebook ho avuto modo di scambiare qualche riflessione con persone che vivono a London. Dice Margaret: These teenagers who were rioting, many from poor neighborhoods, without much to look forward to in their futures…now, maybe we can not only clean up after the riots but really get to the root cause…and there are reasons behind it all, some the press won’t publish but anyone who lives in London knows it has a class system that is very hard not to see. The rich truly get richer and the poor get poorer /Molti di questi giovani in rivolta provengono dai poveri sobborghi, non hanno nulla in cui sperare per i loro futuro…ora, forse noi non dovremmo solo ripulire dopo le rivolte, ma cercare di comprenderne le cause dalle radici, ci sono delle ragioni dietro quei comportamenti, parte della stampa non le cita, ma chiunque viva a Londra sa che esiste un sistema di classi ben definito, che non passa inosservato. I ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri.
La mia risposta, è stata semplicemente questa: Posso immaginare quello che è successo e sono completamente d’accordo con te: le persone possono continuare a pulire dopo le rivolte, ma bisogna comprenderne le ragioni profonde. Nessuno vuole una società in cui i ricchi diventano più ricchi e i poveri più poveri. Noi vogliamo uguaglianza nei diritti per tutti, abbiamo bisogno di una rivoluzione pacifica che riporti l’uomo al centro del suo tempo. Non l’economia, non la politica. / I can understand what has happened, and I really agree with you: people can keep on cleaning up after the riots but WE ALL really need to find the reasons behind it all, and we have to help each other. Noone of us want a world where a rich get richer and the poor get poorer, we want equal rights to everyone. We need a peaceful revolution. Be strong! ♥

Per maggiori info su quello che sta succedendo a Londra, spegnete la televisione e collegatevi a facebook o sul sito http://www.riotcleanup.co.uk/.


    

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...